EVENTI HAWAIANE

HOMEVINTAGEBRANDEVENTIRASSEGNA STAMPA DISEGNATI PRT NOIVIP GALLERYE-SHOPCONTATTI

 

GO HAWAII ! – La famiglia delle camicie Hawaiiane
Ci sono famiglie di camicie e famiglie vere in questa storia, che inizia più di venti anni fa, quando Gabriella Ravano, comincia a raccogliere camicie Hawaiiane.
Prendeva così l’avvio una straordinaria collezione dedicata a un capo che ha segnato il costume collettivo del ‘900 ed è scivolato nel secondo millennio senza dar segni di stanchezza.
La camicia hawaiiana incarna infatti tuttora un sogno esotico non privo di ironia, in continuo equilibrio tra l’eleganza casual e il kitsch turistico.
La collezione di Gabriella è cresciuta in questi anni arricchendosi di centinaia di pezzi che, pur arrivando da luoghi sparsi in tutto il pianeta, sono accomunati dall’appartenenza alla grande famiglia delle camicie hawaiiane.
Li caratterizzano i colori brillanti, le decorazioni etniche, la grafica delle scritte e i soggetti più vari: i tipici disegni “tapas”, le immagini floreali e faunistiche, gli sport, i nomi delle località turistiche.
Ora Gabriella ha deciso di svuotare gli armadi, ma la sua collezione di fantasie tropicali è rimasta in famiglia.
Se ne occupa la figlia Alessandra, che, al motto di ” Go HAwaii!”, presenta dal 16 al 27 maggio al negozio Surplus di Corso di porta Ticinese, 101 il meglio della raccolta.
Sono 300 camicie provenienti da 29 Stati, tra cui, oltre a quelli più prevedibili come Taiwan, Australia, Filippine brilla bizzarra presenza di Svizzera, Ungheria, Messico e molti altri luoghi assai lontani dai mari del Sud.
Go Hawaii! E’ dunque una surreale e colorata fotografia del mondo, visto attraverso il tessuto di una camicia stampata.
Una fotografia un po’ strana, allegra e falsa.
Come il mondo

ALOHA SHIRTS IN DISCOTECA – La famiglia delle camicie Hawaiiane
Alessandra Ravano di Surplus, con la direzione artistica di Gherardo Frassa, espone al pubblico la sua collezione di camicie Hawaiiane da tutto il mondo.
Il surplus presenta, nell’ambito di una festa hawaiiana in discoteca, un’anteprima della mostra che sarà tenuta presso i suoi negozi. Con l’avvento della “new economy” la camicia hawaiiana, da sempre espressione del “free behave” e “wildelife” americano, è diventata un simbolo di libertà e anticonformismo. Proponendo l’abbigliamento vintage in una notte di musica, divertimento e cultura al CAFFE’ ROMA, Via Ancona, 4 ( Sabato 15 aprile) il SURPLUS suggerisce in collaborazione con l’UPPER CLUB, un’alternativa al modo di “fare discoteca” a Milano, in sintonia con la new wave già affermata in metropoli come Londra e Berlino. All’entrata del locale, in una ambientazione tropicale, viene messa a disposizione del pubblico un’ampia scelta di camicie hawaiiane; saranno alcuni studenti milanesi a sperimentarsi per la prima volta in una sfilata spettacolo che ripercorre brevemente i momenti salienti della storia della camicia hawaiiana, trasformando per l’occasione l’ambiente della discoteca in un luogo attivo dove gli utenti sono essi stessi dei creatori e non solo dei fruitori. Quello hawaiiano non è solo un mondo di colori con infinite varietà di accostamenti che non ha pari in alcun altro tipo di vestiario; stili e soggetti sono i più disparati: dagli originari digesni tapas si passa ai classici temi tropicali con immagini floreali e faunistiche, dalle rappresentazioni di momenti tradizionali della vita quotidiana, e dei culti locali a temi commemorativi, dalle mappe agli sport fino a quelle tipicamente tipicamente turistiche e un po’ kitsch.
La straordinaria diffusione nel mondo di questo capo ( sono esposte, infatti, camicie provenienti da più di 40 paesi sparsi sui cinque continenti) che ha origine dai costumi di un piccolo gruppo di isole dei mari del sud, è legata ad alcuni importanti episodi della storia di questo secolo: la guerra nel pacifico, l’esplosione dl turismo con mete tropicali, la diffusione degli sport acquatici.
Una miscela di musica, spettacolo, cultura, ballo sperimentalismo in un’atmosfera “tropical” il cui successo può rappresentare una significativa svolta, e un’alternativa alle tradizionali notti milanesi.

La collezione sarà successivamente esposta nei negozi Surplus a partire da martedì 2 maggio, giorno in cui verrà presentata alla stampa ed a un pubblico scelto accompagnata da un rinfresco a tema.